Idee per matrimoni originali

Olalla: l’e-commerce del fatto a mano italiano

olalla

Olalla, il marketplace del fatto a mano italiano

Chi segue questo blog lo sa: noi siamo delle forti sostenitrici dell’handmade, ossia degli oggetti fatti a mano e personalizzabili. Infatti spesso nei nostri articoli vi invitiamo a visitare e fare i vostri acquisti sugli e-commerce e marketplace che vendono questo genere di prodotti. Ma oggi vogliamo presentarvi un nuovo sito che sta prendendo forma proprio in queste settimane e che siamo sicure potrà essere per ogni sposa e wedding planner una fonte insostituibile di bomboniere, tableau, cake topper, e tutto quello che vi serve per personalizzare il vostro matrimonio!

Stiamo parlando di Olalla.it, un e-commerce dove a brevissimo sarà possibile acquistare e vendere oggettistica realizzata a mano da artigiani italiani. Visto che Olalla ci è parso subito un sito molto interessante, abbiamo voluto saperne di più. Così abbiamo contattato Laura Cogo, founder e CEO di Olalla, e le abbiamo rivolto qualche domanda.

Cosa differenzia Olalla dagli altri e-commerce dedicati all’handmade?

Innanzitutto l’idea di Olalla è tutta italiana, mentre le altre realtà sono tutte di importazione estera. Non solo: su Olalla.it si troveranno solo creazioni made in Italy, perché ci crediamo e vogliamo difendere e promuovere i nostri talenti. Infine, ma non meno importante, Olalla opera una selezione sugli artigiani e creativi che vogliono accedervi, questo assicura che la qualità delle idee regalo e altre idee creative che si possono trovare sul nostro marketplace sia sempre molto elevata. Questo è un bene per tutti: per noi, per gli artigiani stessi e soprattutto per il cliente che troverà su Olalla sempre cose belle e di qualità e vorrà tornarci a trovare perché sa che sappiamo proporre il meglio.

Quali sono i servizi che offrite?

Per chi acquista, Olalla.it vuole essere una guida facile, un palcoscenico aperto sul meglio dell’artigianato creato in Italia, visibile ed acquistabile su una piattaforma online chiara e ben organizzata, alla portata di tutti. Ogni prodotto è artigianale, replicabile sempre a mano, su richiesta e personalizzabile. Infine, offriamo un customer care costante e attento alle esigenze di ognuno.

Per chi vende, gli artigiani o partners come li chiamiamo noi, l’assistenza è totale. In pratica, per noi nessuno è e sarà mai un numero. A volte mi piace dire che la differenza tra noi e gli altri marketplaces del fatto a mano è questa: la stessa che passa tra una fabbrica ed una bottega artigiana. A noi piace fare le cose per bene, ad una ad una. Quindi non solo gestiamo al meglio tutto il marketing, pubblicità e promozione e garantiamo visibilità esclusiva, ma gestiamo anche le chiamate dei clienti, diamo consulenza marketing, creiamo contenuto gratis e lo promuoviamo sempre gratis, siamo anche disposti a sostenere le spese per un servizio fotografico esclusivo per poter creare foto dei prodotti che vendano di più. Noi intendiamo creare una rete di supporto operativo su cui gli artigiani possono fare totale affidamento. Inoltre la conoscenza delle regole SEO, ottime competenze di fotografia, disponibilità telefonica costante (sia come helpline che come customer service) assicureranno all’artigiano che si rivolge a noi per vendere i suoi oggetti una condizione di libertà creativa ottimale.

Com’è nata l’idea di Olalla e il suo nome curioso?

Il nome vuole un po’ ricordare un’ “Oh La La!”, guarda che bella scoperta! Ma l’abbiamo scelto perché ci piace, ci suona bene, caldo e semplice, senza troppi fronzoli. Come noi!

Per quanto riguarda invece l’idea del sito, beh, è sempre stato il mio sogno nel cassetto creare un marketplace dedicato al meglio dell’artigianato e della creatività italiana. Purtroppo sono stata a lungo tempo lontana dall’Italia, ma appena rimpatriata mi sono decisa, era finalmente l’occasione giusta, e così ho iniziato a lavorarci e creare un team di persone validissime con cui portare avanti questo mio sogno.

Chi c’è dietro al sito?

Beh innanzitutto ci sono io, Laura e c’è Marco, mio marito. Entrambi siamo esperti ed appassionati di marketing, digital, web, tecnologia e retail. Da molti anni vivevamo in Inghilterra dove lavoravamo entrambi per grandi aziende ed agenzie. Stavamo bene, ma la passione per l’Italia era sempre presente, e così otto mesi fa siamo tornati, questa volta per vivere a Bologna. Mentre in famiglia arrivava il piccolo Enzo, io capivo che il momento per realizzare il mio sogno nel cassetto, Olalla, era arrivato e così ho iniziato a lavorarci, tra biberon e pannolini, la sera e la notte davanti al computer mentre il piccolino dormiva. Abbiamo creato e stiamo creando attorno a noi un team d’eccellenza, creato mettendo insieme persone di cui conosciamo il valore professionale e umano, tra cui Elena Schiavon una grande amica ma soprattutto una delle più note fashion blogger italiane. Vorremmo che lavorare con noi fosse un’esperienza arricchente, per chi ci lavora e per chi vende e acquista. Poi il progetto è cresciuto, fino al debutto nell’estate 2015.

Quando sarà possibile acquistare su Olalla?

Siamo attivi dal 1 Luglio e stiamo raccogliendo le prime 50 richieste di adesione da parte di artigiani e creativi. Siamo soddisfatti dell’ottima risposta positiva, ma è solo l’inizio. Stiamo facendo un bel lavoro sul web e di condivisione sui social. Come ogni novità ha bisogno di affermarsi, ma siamo sicuri che la qualità dei nostri prodotti e del nostro servizio conquisteranno artigiani, creativi ed acquirenti felici di vendere ed acquistare su Olalla.it.

La nostra piccola intervista si conclude qui, speriamo di avervi aiutati a capire meglio cos’è Olalla.it e perchè vale la pena prenderlo in considerazione quando si vuole vendere e acquistare oggetti fatti a mano (per il matrimonio e non). Noi sicuramente lo terremmo sott’occhio, perchè ci sembra un sito davvero promettente!

fornitorihandmade

Lavori nel settore matrimoni e ti piacerebbe essere intervistato sul blog? Allora clicca qui:


Lavori nel settore matrimoni e ti piacerebbe che parlassi di te? Allora clicca qui:

Elena • 18 luglio 2015


Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *